C’è bisogno di librai. Soprattutto in un momento in cui i titoli pubblicati di anno in anno aumentano sempre di più, c’è proprio bisogno di qualcuno che ci guidi nella lettura e che si prenda cura dei libri. Tra una pagina Facebook e l’altra, tra un tweet e un ordine on line, c’è bisogno di ritrovarsi in un luogo fisico e le librerie sanno essere molto accoglienti.

C’è bisogno di racconti, di scritture brevi e di testi limati alla perfezione; c’è bisogno di riscoprire un genere letterario talmente ricco da non aver nulla da invidiare al romanzo.

Sono questi i criteri da cui nasce Racconta un libraio, il concorso letterario per racconti che si soffermino su una figura molto preziosa in una forma narrativa molto impegnativa. E alta.

Si partecipa inviando un solo racconto all’indirizzo raccontaunlibraio@gmail.com, che sia lungo non meno di 8 mila battute che non ne conti più di 15 mila; il termine per la consegna è il 31 maggio 2015 e la partecipazione è gratuita. Il comitato di lettura è formato dai redattori di CriticaLetteraria.org e la giuria conta invece quattro librai indipendenti: Aldo Addis, della Koinè di Sassari e vicepresidente esecutivo della Scuola librai italiani, Lavinia Manfrotto, libraia a Palazzo Roberti di Bassano del Grappa, Claudio Moretti, libraio alla Marco Polo di Venezia e Fabrizio Piazza della Modusvivendi di Palermo; il quinto giurato è uno scrittore che del racconto ha fatto la sua passione e il suo mestiere, Luca Ricci. Il concorso è patrocinato dal Centro per il libro e la lettura ed è organizzato da un’azienda appena nata che si occupa di iniziative culturali, Silena Eventi.

Il vincitore sarà pubblicato sul sito del concorso e vincerà un buono da spendere in una libreria indipendente a sua scelta.

 

 

ATTIVITÁ
 

Consiglia questa pagina su:

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© Osservatorio Sul Racconto - 2014 Tutti gli articoli presenti su Cattedrale sono tutelati dalle clausole del Creative Commons